Praticare la pace in tempo di guerra

Pema Chodron, “Praticare la pace in tempo di guerra. Il buddhismo e la non-violenza”, Arnoldo Mondadori, Milano 2007, p. XV, 74

Da sempre l’uomo desidera vivere in pace; eppure, paradossalmente, lo strumento attraverso cui cerca la pace e la felicità è la guerra. E questo è vero a livello quotidiano e familiare, nei rapporti tra comunità di diversa ampiezza e tra Stati. Ma sia la pace che la guerra hanno origine nello stesso luogo, nel cuore dell’uomo: è questo il fulcro del messaggio di Pema Chödrön che in questo libro esplora le origini dell’odio, dell’aggressività, dei conflitti secondo l’insegnamento buddhista. È il modo in cui noi come individui reagiamo allo stress della vita quotidiana che può perpetuare una cultura di violenza, o viceversa creare una nuova cultura della compassione. Per questo imparare la meditazione e praticarla con costanza può aiutarci a diventare persone più consapevoli e compassionevoli, aprendo, nel nostro piccolo, le porte a un mondo di pace.

I commenti sono chiusi.