Purificare e distruggere

Jacques Sémelin, “Purificare e distruggere. Usi politici dei massacri e dei genocidi”, Einaudi, Torino 2007, p. XXIV, 511

Risultato di piú di vent’anni di ricerche e analisi sul tema della violenza, delle sue espressioni estreme, dei suoi usi politici e degli esiti che hanno scandito la storia del XX secolo, questo libro si propone di reperire una logica, per quanto atroce e terribile, nell’inferno dei genocidi. Il che è possibile solo attraverso una minuziosa ricostruzione dei tragitti politici, delle poste in gioco, delle tattiche e strategie per mezzo delle quali la violenza ha potuto trapassare – superando interdetti ancestrali relativi alla stessa concezione dell’umanità – in pratica genocidiaria e purificazione etnica. La violenza in questione è quella estrema, apparentemente piú ingiustificabile e terrificante, che Sémelin invita a guardare senza subirne gli effetti sideranti o addirittura l’atroce fascinazione, e che diventa comprensibile non appena venga inscritta nelle condizioni, nei meccanismi e nei processi che conducono alla messa a morte di massa. Il libro prende in considerazione in particolare le tragedie della Shoah, dell’ex Iugoslavia e del Ruanda, alla ricerca degli «operatori» logico-storici che hanno funzionato nel progetto di distruzione del popolo ebraico, nel programma di pulizia etnica attuato in Bosnia e nel genocidio ruandese, mettendo a confronto ricerche, resoconti e testimonianze, e intrecciando al lavoro di carattere storico l’analisi psicologica, sociologica, antropologica, politologica. In un momento storico in cui l’opinione pubblica ha raggiunto una nuova, inquietante soglia di assuefazione alle tragedie (massacri, guerre etniche, pretesi scontri di «civiltà» o di religione, con i loro seguiti di dolore e morte), questo libro costituisce un indispensabile strumento di conoscenza, e insieme l’invocazione di un’esigenza etica di vigilanza, di comprensione, di azione.

I commenti sono chiusi.