RiduCO2 a Bologna, per combattere la sfida ambientale

Quando il gioco si fa serio, ed etico. Ovvero: serious game contro l?eco-collasso globale. Ci sarà anche il cdrom RiduCO2 dell?Ecoistituto ?Pasquale Cavaliere? di Torino tra gli strumenti educativi ospitati venerdì 23 a Bologna durante l?incontro E-Generation and the Global Challenges Le videogenerazioni elettroniche e le sfide globali: giornata di seminari, workshop, immagini, musica ed esperienze interattive sulle grandi sfide sociali e ambientali che le nuove generazioni dovranno affrontare.

Il cdrom, realizzato grazie ai finanziamenti dell?Assessorato all?Ambiente della Regione Piemonte (all’interno del progetto Kyoto dal Basso), è stato selezionato per il pubblico bolognese dall?Università di Padova (Dipartimento di Psicologia Generale Human Technology Laboratories) tra i cosiddetti serious game, le tecnologie persuasive che mirano a favorire cambiamenti comportamentali per lo sviluppo di modi di vita ecologicamente e socialmente più sostenibili.

Con RiduCO2 è possibile infatti modificare i propri comportamenti compiendo ? in prima battuta virtualmente ? azioni di riduzione dei consumi energetici. Come? Attraverso un <>calcolatore che permette ai fruitori di verificare i propri consumi di energia (ma anche le emissioni di anidride carbonica, i costi e l?impronta ecologica relativi) e di compiere scelte di risparmio intervenendo sulla gestione energetica della propria abitazione e della propria quotidianità, in relazione a trasporti, alimentazione, vestiario e rifiuti.
Basterà qualche click, per esempio, per quantificare la riduzione dei consumi ottenuti dalla sostituzione dei vecchi elettrodomestici con quelli ad alta efficienza. O per sapere quanta anidride carbonica si evita preferendo alle quattro ruote la bicicletta come modus viaggiandi. In attesa che la rivoluzione ecocentrica da virtuale si faccia reale.

Appuntamento venerdì 23 febbraio, al Link di via Fantoni 21.

Informazioni:
Alessandra Mazzotta
Ecoistituto ?P. Cavaliere? ? via Garibaldi 13 – Torino
mail [email protected] Tel. 011.2898241

I commenti sono chiusi.