VALUTAZIONE DELLA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE DELL’AREA GEOGRAFICA DEI PATTI TERRITORIALI DELLA PROVINCIA DI TORINO

Lo studio propone un?analisi della sostenibilità ambientale del territorio della Provincia di Torino, applicando un indicatore di sostenibilità (Impronta Ecologica) all’area geografica interessata dagli otto Patti Territoriali di recente definizione. Questa particolare suddivisione del territorio, permette di acquisire un insieme di informazioni fondamentali per la misura della sostenibilità ambientale e per stimare il peso di ciascun area in ambito provinciale. Il calcolo dell?Impronta Ecologica è una misura diretta della sostenibilità ambientale delle aree definite dagli accordi che gli enti locali hanno sottoscritto, ma equivale ad una valutazione indiretta della sostenibilità ambientale di quasi tutto il territorio provinciale, poiché la maggior parte dei comuni della Provincia, hanno scelto la programmazione partecipata sottoscrivendo il Patto Territoriale.

FINALITA?’

· Ottenere una misura globale del livello di sostenibilità ambientale delle aree che formano i patti territoriali della Provincia di Torino, utilizzabile a livello di pianificazione economica e territoriale, per ciascuna area.

· Esaminare con maggiore precisione alcune delle caratteristiche più importanti che legano la sostenibilità al sistema economico e geografico delle singole aree e della Provincia di Torino:

a) valutando i livelli di sostenibilità dei differenti settori economici presenti nelle diverse aree geografiche ed individuando i flussi di sostenibilità che intercorrono tra di essi;

b) stimando il grado di importazione e/o esportazione di sostenibilità che il territorio delle varie aree analizzate intrattiene sia con le altre aree (italiane e non), sia con l?estero.

· Uno strumento per organizzare le politiche di sviluppo sociale economico delle diverse aree.

· Ottenere una ricaduta della ricerca grazie alla comunicazione e divulgazione dei metodi utilizzati e dei risultati ottenuti sui soggetti firmatari del patto in particolare: presso i politici e gli amministratori, per mettere a loro disposizione uno strumento di contabilità ambientale e di supporto decisionale capace di indirizzare coerentemente le azioni politiche ed economiche verso la realizzazione degli obiettivi previsti dalle Agende XXI locali presso i cittadini, per aumentarne la consapevolezza circa i problemi ambientali e stimolarne al contempo la partecipazione attiva e il cambiamento di stili di vita.

SOGGETTI COINVOLTI

Enti Locali, attori economici, istituti di ricerca, associazioni di categoria, associazioni ambientaliste, consorzi dei servizi (rifiuti, acqua, energia ?.), scuole, cittadinanza.

I commenti sono chiusi.